Conosci Pian dell’Olmo?

forse non tutti sanno che l’area di Pian dell’Olmo…

 
È’ collocata a poche centinaia di metri dal centro abitato di Riano, nonché dei campi
coltivati, e che trasformarla in discarica vorrebbe dire infliggere un colpo mortale
all’economia e allo stato patrimoniale di un vasto territorio.
Si trova a circa 500 metri dalla cava di Quadro Alto (Riano), già scartata dal ministro
Clini in quanto non possedeva le caratteristiche geomorfologiche adatta a costituire sito di discarica.
È’ sottoposta ai medesimi vincoli ambientali e paesaggisti di Quadro Alto (paesaggio di continuità naturale), con l’aggiunta di un vincolo archeologico.
È’ un’area a rischio di esondazione del vicino Tevere, e presenta altissimi rischi geo-
ambientali, evidenziati dal parere negativo dell’Autorità di Bacino del Tevere.
È’ caratterizzata dalla totale assenza di barriere naturali (criticità litologica, il tufo
assorbirebbe il percolato come una spugna).
Insiste sulla medesima falda acquifera che é stata considerata come fattore escludente
per quanto riguarda la cava di Quadro Alto, la cui contaminazione é resa probabile
dall’evidente stato di fratturazione del tufo che ne costituisce la base.
È’ afflitta da un intenso traffico quotidiano e l’eventuale aggiunta di 1.000 camion al
giorno per raggiungerla, porterebbe alla totale congestione della viabilità sulle strade
consolari di accesso dell’area di Roma Nord.

Presenta evidenti difficoltà di accesso (14% pendenza) e quasi verticalità del fronte
dell’invaso, la cui soluzione richiederebbe costosi lavori di allestimento: l’abbattimento
di una barriera (intero lato) collinare per riportare al piano campagna l’accesso al sito.
E’ un poligono di tiro in piena attività in cui si spara a parete e la sua eventuale
conversione richiederebbe costosi interventi di bonifica.
Si estende su di una superficie estremamente ridotta (1,5 ettari) in grado di sopportare
un eventuale sversamento di rifiuti di Roma per circa un anno, tuttavia le sue ridotte
dimensioni non sono garanzia di temporaneità, in quanto l’estrema vicinanza con Quadro
Alto rende probabile il passaggio da un’area ad un’altra non appena la prima sarà
esaurita. La conseguenza sarebbe il disastro ecologico.
Ospita reperti di flora fossile e di fauna archeologica – emersi a fronte di indagini
paleontologiche e paleobotaniche condotte sin dagli anni ’60 con analisi certificate –
unici al mondo.
Tanto é vero tutto ciò che…
Per il sito di Pian dell’Olmo, lo stesso Comune di Roma (Dipartimento 10° di Tutela
Ambientale e del Verde – Protezione Civile), esprime parere contrario alla realizzazione
di una discarica, e sancisce la non applicabilità del valore di variante urbanistica ad un eventuale parere positivo della VIA (Valutazione Impatto Ambientale).
… e inoltre…
Dalla relazione tecnica commissionata dal Consorzio Colle Romano al Prof. Franco
Ortolani, colui che evidenziò a suo tempo i gravi rischi ambientali che si tramutarono nel disastro ambientale di Chiaiano, risulta evidente come una eventuale discarica nell’area di Pian dell’Olmo, potrebbe tramutarsi in un disastro addirittura peggiore di quello avvenuto in Campania.

*

…un breve riepilogo della storia…

Dal 2007 l’Europa considera illegale il riversamento di rifiuti tal quale in discarica e
pertanto intima un cambiamento nella gestione di Malagrotta, la discarica più grande
d’Europa, minacciando costosissime sanzioni all’Italia. Nel 2011 Malagrotta viene
dichiarata in esaurimento e si decide che deve essere chiusa, la soluzione individuata dal
Commissario Straordinario, Giuseppe Pecoraro, è quella di spostare il problema,
aprendone altre due, una a Quadro Alto (Riano) e l’altra a Corcolle.
A seguito di numerose denunce, ricorsi e manifestazioni cittadine il Ministro
dell’Ambiente Corrado Clini decide di approfondire la questione e, dopo aver acquisito
la giusta documentazione, dichiara in una conferenza stampa che i siti individuati non sono idonei in quanto sottoposti a numerosi vincoli e che la linea scelta per risolvere il problema dei rifiuti, di fatto, non risponde ai dettami europei.
Il ministro istituisce quindi un tavolo tecnico con la partecipazione del Commissario
Straordinario, del Comune di Roma, della Regione Lazio e della Provincia, al fine di
porre in essere un piano rifiuti che punti al recupero del 50% dei materiali oggi destinati
in discarica entro il 2014. Entro il 30 aprile 2012 il tavolo tecnico dovrà indicare il sito temporaneo da destinare a discarica temporanea e, entro il 30 Giugno, intima alla Regione l’individuazione del sito definitivo.
Secondo le dichiarazioni del Ministro la scelta dei siti da destinare a discarica residuale non potrà essere fatta derogando le normative europee e, testualmente afferma, “non si può andare in deroga a vincoli ambientali, per risolvere un problema ambientale”.
Come logica conseguenza di questa linea di condotta che punta al rispetto delle
normative vigenti, in contrapposizione con quanti ne invocavano la deroga, i siti
individuati dal Commissario Straordinario Giuseppe Pecoraro per sostituire Malagrotta
(Quadro Alto e Corcolle) sono stati dichiarati inidonei ad ospitare la nuova discarica di Roma, sia come soluzione temporanea che definitiva.
Nonostante le recenti inequivocabili dichiarazioni ufficiali rilasciate dal ministro Corrado Clini riguardo all’assoluta non idoneità dei siti “S4” (Quadro Alto) e “S5” (Procoio  Vecchio – Pian dell’Olmo) a divenire luoghi di discarica per i rifiuti di Roma,
dichiarazioni ampiamente supportate dal perentorio parere negativo espresso
dall’Autorità Bacino del Tevere nonché riflesse nel Memorandum del Ministero
dell’Ambiente del 28 marzo 2012…

…si è infine indicato Pian dell’Olmo come sito da destinare a discarica…
Contatti sosdiscaricariano@gmail.comhttp://www.sosdiscaricariano.it – Facebook: SOS DISCARICA RIANO

*

Annunci

2 Pensieri su &Idquo;Conosci Pian dell’Olmo?

  1. Grazie, è tratto da una presentazione fatta dal comitato SOS discarica proprio per divulgazione.
    Puoi sia utilizzare la funzione “reblog” oppure “pubblicalo” o semplicemente copi il testo…l’essenziale è far conoscere il più possibile come stanno veramente le cose.
    Ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...