Portiamo la differenziata al 65% e in un anno spariranno gli invasi – Repubblica.it »

Portiamo la differenziata al 65% e in un anno spariranno gli invasi – Repubblica.it »

(segui il link per l’articolo completo)

IL VERTICE con il ministro Clini è stata una vittoria per i comitati che si oppongono alle discariche previste a Riano e Corcolle? «Francamente no» spiega Massimo Piras, a capo della rete laziale “Zero Waste” che significa “Rifiuti Zero” «quella di oggi a noi è sembrata una conferma dell’ impotenza delle istituzioni». Perché? « C ‘ è u n c o m m i s s a r i o straordinario che in sei mesi non è riuscito a fare che semplici indagini che potevano essere svolte prima delle decisioni e quindi questi studi stanno confermando che le decisioni prese prima delle ricerche dalla Polverini sono inefficaci» Dove fare le discariche provvisorie? «Noi al prefetto abbiamo proposto a suo tempo l’ unica via d’ uscita: un’ ordinanza nei confronti dell’ Ama che la obblighi a un piano straordinario per la raccolta differenziata portaa porta in tutta Roma». Ma è verosimile che si possa passare dal 24 al 100%? «Pensiamo di arrivare alla percentuale prevista dalla legge e cioè al 65%». E il restante 35%? «Prima dovrà essere trattato con impianti di selezione, che già ci sono, che separano i materiali: la parte secca da quella organica. Mancano invece quelli per il riciclo dei rifiuti differenziati e gli altri per il compostaggio, la trasformazione in fertilizzate, dell’ organico differenziato. Il nostro piano è depositato in Campidoglio come allegato ad una proposta di delibera di iniziativa popolare che porteremo alla firma dei cittadini nei prossimi tre mesi» E i resti di queste ulteriori lavorazioni? «Rimarrebbe il dieci, quindici per cento, di residui inerti il cui smaltimento non comporterebbe grossi problemi». Dove proponete di smaltirli? «In discariche per circa 150 mila tonnellate, ne basterebbero due o tre in tutto il Lazio». Dove? «Al momento la Regione ha individuato capacità di accoglimento ancora disponibili in varie discariche esistenti». Dove? «Ad esempio nel sito di Malagrotta, o a Borgo Montello a Latina e in altri siti. E lì potrebbero andare i rifiuti selezionati, residui rimanenti, che sono inerti» Quanto tempo ci vorrebbe perché l’ Ama con la raccolta porta a porta arrivi dal 24 al 65% di raccolta differenziata? «Si potrebbe raggiungere quel risultato nell’ arco di un anno per i materiali solidi e in due anni per l’ organico. Ma tanto per quanto riguarda quest’ ultimo noi abbiamo un solo impianto di trattamento a Maccarese e gran parte del materiale viene inviato in Veneto per essere trasformato in compost per l’ agricoltura». E gli altri rifiuti? «Quelli secchi in piccoli impianti. L’ importante è che ci siano i fondi per dare il via alla raccolta differenziata totale: la Regione ha stanziato 132 milioni di euro, non ci sono più alibi».

*

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...